Bimbostore presenta BimboStorie podcast

Bimbostore, insegna di Prénatal Retail Group specializzata nella vendita di prodotti per l’infanzia, dopo il lancio di BimboStorie. BimboStorie è una rubrica che anima i social del brand con video ricchi di informazioni, consigli e suggerimenti pratici per un day by day più facile, ha deciso di esser ancora più vicino alle famiglie attraverso un percorso di crescita educativa, dedicandosi a uno dei momenti più belli da condividere con i bimbi, quello del racconto delle fiabe. E lo fa proponendo una raccolta di storie da ascoltare insieme grazie a BimboStorie podcast.

All’interno si possono trovare alcuni grandi classici come ad esempio “I tre porcellini”, “Il brutto anatroccolo”, “Hansel e Gretel”, “Cappuccetto rosso” e molte altri, uniti alle fiabe inedite scelte da Bimbostore. Sono state selezionate storie adatte ai bimbi 0 – 7 anni, capaci di avere il feeling senza tempo della fiaba, ma con contenuti e temi in linea con la contemporaneità, abbandonando quindi cornici e soluzioni narrative alla “il principe salva la principessa” e privilegiando invece idee più nuove e sorprendenti. Gli autori delle storie inedite fanno parte del mondo dell’editoria per l’infanzia e la pre-adolescenza, una panoramica che passa da nomi affermati come Nicoletta Costa, Anna Lavatelli e Silvia Roncaglia, ad autrici e autori più giovani quali Lisa e Margherita Riccardi, Lorenza Bernardi, Lucia Stipari, Micole Imperiali, Pietro Nicolaucich.

Le fiabe sono fruibili sulla piattaforma Spotify nel podcast di BimboStorie e in versione cartacea all’interno del catalogo di Bimbostorie, una novità pensata per fornire utili consigli e suggerimenti di prodotto a chi sta per diventare genitore o lo è appena diventato.  Le storie presenti sul catalogo sono accompagnate dalle meravigliose illustrazioni degli artisti di Teelent, community che aiuta i giovani artisti emergenti a far conoscere la propria arte. Le storie possono essere lette insieme o ascoltate direttamente dalla voce narrante dei podcast, scannerizzando il QR code sulla pagina.

A cura della Redazione